Zincatura a caldo e a freddo: le differenze

tipi di zincatura

Gli effetti distruttivi della corrosione sui metalli sono noti da secoli. Da quando i metalli sono stati impiegati come materiale da costruzione, gli esseri umani hanno costantemente cercato modi per migliorarne la longevità in ambienti corrosivi. Una delle tecniche più utilizzate per la protezione dei metalli (principalmente acciaio) è la zincatura.

L’acciaio zincato svolge un ruolo essenziale nella nostra vita quotidiana. Viene spesso utilizzato in diversi settori, tra cui l’edilizia, i trasporti, coperture di auto, l’agricoltura e l’industria della produzione di energia, per citarne alcuni. Esistono due metodi principali per la zincatura dell’acciaio; si tratta di zincatura a caldo e zincatura a freddo. In questo articolo, esamineremo questi due metodi di zincatura e discuteremo di come queste tecniche differiscono.

Cos’è la zincatura?

Nella sua forma più semplice, la zincatura si riferisce all’applicazione di un rivestimento di zinco sulla superficie di un metallo (solitamente acciaio o ferro). Viene utilizzato principalmente come misura protettiva per prevenire la corrosione e, per estensione, aumentare la vita utile del componente metallico protetto.

Il processo di zincatura è classificato in due tipi principali:

  • Zincatura a caldo
  • Zincato a freddo

Questi due processi di zincatura hanno lo stesso scopo, ma presentano alcune differenze, che vedremo in dettaglio nei successivi paragrafi.

In cosa si differenziano i diversi tipi di zincatura?

La zincatura a caldo e la zincatura a freddo si differenziano principalmente per il metodo di applicazione e il livello di protezione che offrono; scegliere la giusta tecnica di zincatura si riduce in definitiva alla ricerca di un equilibrio ottimale tra costi e prestazioni. Nella zincatura a caldo è un procedimento elettrochimico durante il quale il metallo di base viene immerso in un bagno di zinco fuso in modo che si formi uno strato protettivo in grado di prevenire la corrosione del metallo di base, migliorandone così la durata.

Sebbene il concetto di zincatura a caldo possa sembrare semplice, il processo consiste in diversi passaggi cruciali. Lo sgrassaggio viene utilizzato per rimuovere sporco, olio e altri residui organici; un blando bagno acido, o decapaggio, incide l’acciaio e rimuove scaglie di laminazione e ossido di ferro; e il flussaggio rimuove ulteriormente gli eventuali ossidi e riveste l’acciaio con uno strato protettivo che impedisce la formazione di ulteriori ossidi sulla superficie dell’acciaio prima della zincatura.

La zincatura a freddo è semplicemente l’applicazione di una vernice ricca di zinco sulla superficie di un elemento in acciaio per proteggerlo dalla corrosione. Pertanto, il termine “zincatura a freddo” è considerato un termine improprio tra alcuni professionisti del settore dei rivestimenti. Questo processo non comporta alcun tipo di riscaldamento, in quanto lo zinco viene applicato sul metallo tramite un’azione fisica. La zincatura a freddo viene anche chiamata placcatura.

La zincatura a freddo, purtroppo, non offre lo stesso livello di protezione della sua controparte per immersione a caldo. Poiché la zincatura a freddo è semplicemente un rivestimento, non può legarsi al metallo a livello chimico e, in quanto tale, non ha la stessa durata, resistenza all’abrasione e capacità di protezione catodica della zincatura a caldo. Sebbene la zincatura a freddo non sia all’altezza delle prestazioni della zincatura a caldo, ha i suoi vantaggi. La zincatura a freddo è ideale per un’applicazione rapida ed economica su strutture e componenti più piccoli. I processi per immersione a caldo sono più costosi e più adatti per strutture più grandi, in genere per usi industriali pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *